Comune di Brescia tourism website: useful information about what to see and where to go.

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

newsletter del 17 giugno 2013

 

La Newsletter di TurismoBrescia.it 

17 giugno 2013

Arte e cibo: un legame stretto

Dalle tele dell'Arcimboldo del sedicesimo secolo al famoso risotto con foglia d'oro della raffinata 'art food' di Gualtiero Marchesi ovvero dalla rappresentazione del cibo nell'arte all'emblema del cibo, è proprio il caso di dirlo, servito ad arte. Pur nella distanza dei secoli e nella diversità degli stili, in entrambi i casi è sempre il linguaggio della creatività che parla ed i grandi chef di oggi si possono considerare degli artisti a tutti gli effetti. 
 
Non stupisce quindi che, soprattutto in Italia, fioriscano numerose iniziative che si propongono di celebrare questo felice connubio.
 
Brescia con Gusto, giunta alla sua tredicesima edizione e come sempre promossa dalla sezione locale di Slow Food, oltre ai 'tradizionali' percorsi itineranti guidati all'insegna dell'ambiente, della biodiversità e dei buoni sapori, quest'anno propone uno stimolante incontro con l'arte spagnola. 
Giungono quest'anno da Logroño, capoluogo della Rioja, gemellata con Brescia dal 2006 ed eletta lo scorso anno Capitale Spagnola della Gastronomia, due artisti di chiara fama e di sicuro interesse per tutti noi.
Con "Food Painting" Carlo Corres, Carlos Lopez Garrido ed il cuoco Diego Arechinolaza intendono proporre al pubblico bresciano un particolare approccio all'arte della gastronomia realizzando, attraverso l'utilizzo di pigmenti naturali o per meglio dire commestibili, dei veri e propri capolavori a base di ingredienti e di tipici piatti del loro territorio.
 
Ad integrare la 'gastronomia visiva' degli artisti spagnoli ci saranno musica e proiezioni video. Siete tutti invitati a partecipare alla creazione di profumati e colorati dipinti fatti con cioccolato, vini, frutta e tanti altri ingredienti della ricca cucina riojana.
 
MANIFESTAZIONI

JAZZ IN EDEN

BRESCIA CON GUSTO

Venerdì 28 giugno Brescia si riaccende di gusto.

La Condotta Bresciana di Slow Food, con il patrocinio del Comune di Brescia e la preziosa collaborazione dell’Assessorato al Commercio e Marketing Urbano, organizza la XIII edizione di “Brescia con Gusto”. L’evento, che ha ormai conquistato i consumatori sensibili al rispetto dell’ambiente, della biodiversità e del buon gusto, sarà venerdì 28 giugno dalle 19.30 alle 23.00. Tante le novità di quest’anno, a partire dal coinvolgimento delle condotte della provincia di Brescia; in particolare si tratta delle condotte della Bassa Bresciana, della Franciacorta, del Garda e della Vallecamonica, oltre ovviamente a quella di Brescia.

ARTE E CULTURA
JAZZ IN EDEN

LE METAMORFOSI. ARTE - UOMO - NATURA

S'inaugura venerdì 14 Giugno alle ore 18.30 presso Palazzo Martinengo la mostra Le Metamorfosi, che intende riflettere su un tema che da sempre affascina l'uomo e in particolare gli artisti di ogni disciplina.

Dall'antichità romana di Ovidio e di Apuleio fino alla modernità di Kafka e D'Annunzio, la metamorfosi è infatti spesso comparsa nelle pagine della letteratura occidentale, alternativamente declinata nelle forme del meraviglioso e del terrifico. In musica, l'hanno interpretata Vivaldi e Strauss, Debussy e Berio, senza contare che il jazz – nella forma dell'improvvisazione a partire da un componimento dato – ne ha fatto un cardine della propria estetica. 

Leggi tutto...

SPETTACOLI

TEATRO GRANDE: STAGIONE OTTOBRE-DICEMBRE 2013

La Fondazione del Teatro Grande di Brescia presenta la Stagione ottobre-dicembre 2013.
Insieme alla Stagione Opera e Balletto, recentemente presentata, la Stagione ottobre-dicembre andrà a chiudere l’anno artistico 2013 del Teatro Grande, continuando nel percorso intrapreso che mira a far convivere nella programmazione del Teatro Grande tradizione e contemporaneità, vera sfida che la Fondazione affronta e segno di novità e distinzione rispetto all’attuale contesto culturale di riferimento.
 

leggi tutto ...

 
BRESCIA IN PILLOLE

Dell’autenticità della cucina bresciana

Nel cuore della territorialità bresciana si conservano molte e antiche tradizioni, diverse da zona a zona, talora influenzate, ma non sopraffatte, dai costumi, e soprattutto dalla gastronomia delle province confinanti. Le festività natalizie venivano onorate con ricche mense sulle quali comparivano piatti come capponi e galline lessi con ripieno alla bresciana, cotechini e soppresse con spinaci, casoncelli, tagliatelle al ragù di anatra, manzo in salmì, salmì di anatra, pasticcio di coniglio, lepre alla montanara (o anche con cipolline e funghi freschi), e dessert come gli ormai dimenticati marù a la nèf, il budino di castagne, le tramontate biline cotte nel latte. Per concludere imbandigioni così corpose e favorire la digestione venivano serviti grog aromatizzati alle spezie, la grappa al pino e l’amaro di Breno. Ai Santi Faustino e Giovita, protettori della città di Brescia, era legato l’uso di riunire in casa parenti e amici per gustare un piatto tipico, la lepre in salmì alla bresciana, il cui intingolo viene usato per condire le taiadèle, tagliatelle all’uovo.