Comune di Brescia tourism website: useful information about what to see and where to go.

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

Newsletter del 25 febbraio 2014

 

 La Newsletter di TurismoBrescia.it 

25 febbraio 2014

I PROTAGONISTI DELLA PITTURA BRESCIANA NEL CINQUECENTO

L’anno 1426 segna per Brescia il passaggio al dominio veneto, sotto il quale rimarrà fino al 1797, con l’arrivo delle truppe napoleoniche. L’influenza della Serenissima è determinante per la città lombarda non solo in ambito politico e amministrativo ma soprattutto nell’ambito storico artistico. La contaminazione veneziana si evidenzia a partire dalla seconda metà del Quattrocento, quando  arrivano a Brescia dalla laguna alcune opere di stile tardogotico di grande qualità, come l’ ”Annunciazione” di Jacopo Bellini per la chiesa di Sant'Alessandro. La presenza di opere d’arte venete a Brescia culmina con il “Polittico Averoldi” del Tiziano collocato nella Chiesa dei SS. Nazaro e Celso nel 1522. 
Nel passaggio fra il Quattro e Cinquecento spiccano i lavori di Floriano Ferramola (circa 1480 – 1528) e Paolo da Caylina il Giovane (circa 1485 – 1572), le cui opere sono ben visibili nel complesso monastico di Santa Giulia. L’esperienza dell’artista bresciano Vincenzo Foppa (circa 1427 – al 1514) precede ed influenza  l’affermazione dei pittori Romanino (1484 circa – 1562), Moretto (1490 circa – 1554) e Savoldo (circa 1480 – 1548) , con i quali la scuola di pittura bresciana raggiunge un altissimo livello, tra l’attenzione alla realtà della pittura lombarda e la ricchezza del colore presente nella tradizione veneta. I tre grandi artisti mutuano l’uso del colore quale strumento di costruzione pittorica  prendendo come riferimento il Giorgione. Opere di significativo interesse sono in visione nella Cappella del SS. Sacramento in S. Giovanni Evangelista (con lavori del Romanino e Moretto), nella sezione museale  L’ospite eccellente all’interno del Museo di Santa Giulia e nel Museo Diocesano, (temporaneamente esposti lavori realizzati per chiese bresciane e appartenenti al patrimonio della Pinacoteca Civica).

MANIFESTAZIONI

LA VIA DEL CIOCCOLATO

Sabato e Domenica 1 e 2 marzo 2014 arriva a Brescia l'evento artigianale dedicato al cioccolato d’autore. Quest'anno l'iniziativa partecipa alla festa di compleanno della metropolitana cittadina, inserendosi negli eventi organizzati per il suo festeggiamento. La mostra-mercato del cioccolato: La via del CIOCCOLATO – Il gusto di muoversi, quest’anno ha voluto dedicare a questo importante evento cittadino non soltanto un forte legame d’immagine e comunicazione, ma una vera e propria raffinatezza creativa.......la pralina Metro Brescia. 

Leggi tutto...

 

SI FESTEGGIA IL PRIMO COMPLEANNO DELLA METROPOLITANA

Brescia festeggia il primo compleanno per la metropolitana leggera automatica. Un progetto atteso, capace di collegare i quartieri nord della città con quelli della zona sud-est, passando per il centro storico. Per festeggiare la ricorrenza che segna l’entrata in esercizio di questa fondamentale infrastruttura cittadina sono state organizzate alcune iniziative mirate sia ad approfondire le tematiche care al trasporto pubblico, che a celebrare con momenti ricreativi e di svago l’evento che ha segnato sotto diversi aspetti il modo di concepire la mobilità dei bresciani.

Leggi tutto...

 
CULTURA

MORETTO, SAVOLDO, ROMANINO, CERUTI. 100 CAPOLAVORI A BRESCIA

Dal 1° marzo al 1° giugno 2014 Brescia, ospita in Palazzo Martinengo la grande mostra “MORETTO, SAVOLDO, ROMANINO, CERUTI. 100 capolavori dalle collezioni private bresciane”. La mostra riunisce per la prima volta una selezione di 100 dipinti antichi di altissima qualità provenienti dalle più importanti raccolte private della città e della provincia di Brescia, per offrire al pubblico l’opportunità di entrare in contatto con il mondo segreto e inaccessibile delle dimore bresciane, scrigni di tesori d’arte di inestimabile valore.

Leggi tutto...

TORNANO I POMERIGGI IN SAN BARNABA

“I Pomeriggi in San Barnaba”  hanno costituito per molto tempo uno degli appuntamenti culturali più vivi, frequentati e apprezzati dalla città.
Perciò con grande soddisfazione il Comune di Brescia ne annuncia il ritorno, grazie anche al sostegno e alla collaborazione di: Fondazione Asm e Fondazione Clementina Calzari Trebeschi.
Gli incontri avranno cadenza settimanale e si terranno ogni martedì pomeriggio dal 18 febbraio all'8 aprile 2014, alle 18 presso l'Auditorium San Barnaba.Otto grandi personalità della cultura italiana sono chiamate a dibattere sul tema “Culture e religioni nel mondo globale”. 

Leggi tutto...

 

INCONTRI, CONFRONTI E CONTAMINAZIONI

Prosegue il ciclo di conferenze "Incontri confronti e contaminazioni".
Il progetto prevede una serie di appuntamenti, in chiave divulgativa su specifici argomenti che vogliono mettere in luce i parallelismi tra il linguaggio artistico occidentale e quello di altre aree geografiche del mondo, cercando di individuare, in alcune occasioni, anche riferimenti a opere o materiali conservati nei musei cittadini. Ogni incontro prevede la presenza di un relatore accanto a quella di un esponente delle varie etnie, in una chiacchierata in cui viene messo a confronto il sapere scientifico e la testimonianza  diretta della vita e delle tradizioni culturali dei diversi paesi.
Gli incontri si svolgono il mercoledì alle ore 18.00, nella White room al Museo di Santa Giulia.

Leggi tutto...

 

SPETTACOLI

LA METAMORFOSI AL TEATRO SANTA CHIARA

Fino a domenica 16 marzo 2014, al Teatro Santa Chiara va in scena La Metamorfosi dal racconto di Franz Kafka con la regia e drammaturgia di Luca Micheletti.  Il teatro è l’occasione per affrontare ardue soglie dell’umano innescando possibilità di conoscenza, d’accettazione e supporto del soggetto in difficoltà. La letteratura di Kafka è capace come poche altre di tradurre il disagio dell’uomo contemporaneo in mirabili e struggenti parabole sulla compromissione della sanità, sulla subordinazione dell’esistenza alla sussistenza, sulla trasformazione grottesca dell’essere umano in una cosa “alienata”, dotata di un’anima che egli stesso stenta tragicamente a riconoscere e a nutrire..
 

Leggi tutto...

BRESCIA IN PILLOLE

I dolci del carnevale: latüghe alla bresciana

Le chiacchiere sono il tipico dolce italiano del Carnevale, a Brescia sono chiamate “latüghe”. Hanno la forma di una striscia, alcune volte ripiegate a nodo. Sono preparate con un impasto di farina e uova, fritte e successivamente spolverate con abbondante zucchero a velo. Vi proponiamo la ricetta affinchè possiate gustarle!

Latüghe (Lattughe)

Ingredienti:

300 gr. farina bianca, 30 gr. burro, 2 uova intere, scorza grattugiata di 1 limone, 1 pizzico di sale, 1 cucchiaio di zucchero, 1 cucchiaino lievito in polvere istantaneo, olio per friggere, zucchero a velo.

Preparazione:
Mettere la farina a fontana sulla spianatoia, aggiungere il burro ammorbidito, le uova, la scorza di limone, il pizzico di sale e lo zucchero. Lavore bene tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo (aggiungere latte se risulta troppo asciutto). Lasciare riposare l'impasto coperto in frigorifero una mezzora. Con il mattarello stendere la pasta su un piano infarinato ottenendo una sfoglia alta circa 2 mm. Ritagliare  delle listarelle lunghe circa 10 cm. Queste possono essere lavorate sino ad ottenere la  forma di nastri. In alternativa all’antica tradizione del mattarello, si può utilizzare la macchinetta per tirare la pasta. Friggere le listarelle in abbondante olio bollente fino a doratura, scolarle velocemente e passarle sulla carta da cucina assorbente. Sistemarle su un piatto e cospargerle con abbondante zucchero a velo. Buone Latüghe!