Comune di Brescia tourism website: useful information about what to see and where to go.

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

NEWSLETTER DEL 10 APRILE 2014

 

 La Newsletter di TurismoBrescia.it 

11 aprile 2014

L'Angelo di Raffaello

Nel 1821, sul mercato antiquario fiorentino si trovava un dipinto definito  “Ritratto di giovane” , attribuito a Raffaello.  Il conte bresciano Paolo Tosio, grazie all’interessamento di Teodoro Lechi,  riuscì ad acquistarlo con il certificato di autenticità dell’Accademia fiorentina. Con il Cristo benedicente, l’altra opera di Raffaello già nelle collezioni del conte Tosio, il “Ritratto di giovane” divenne una delle opere più celebrate fra gli intenditori bresciani. Ma perché il piccolo quadro veniva descritto come “Ritratto di giovane” e noi oggi lo identifichiamo come un angelo?
Nel 1912 Oskar Fischel, profondo conoscitore di Raffaello, con un’intuizione geniale individuò nel “Ritratto di giovane” il volto del primo angelo a sinistra della grande pala con L’incoronazione di San Nicola da Tolentino dipinta per la chiesa di Sant’Agostino a Città di Castello. Probabilmente, per poter vendere il dipinto come opera “autonoma”, tutte le parti che denunciavano il suo stato di frammento erano state ricoperte con uno strato di spessa vernice scura; il conte Tosio acquistò il dipinto in dette condizioni, ma quando lo stesso fu sottoposto a restauro, la rimozione della vernice nera dal fondo rivelò la presenza delle ali e di altri elementi della composizione originaria.

L’Angelo di Raffaello sarà presentato come Opera del Mese domenica 13 aprile 2014, alle ore 15:30, presso la White room del Museo di Santa Giulia.
Per non perdere questa occasione, leggete i dettagli nella sezione Notizie del nostro sito
 

CULTURA

MOSTRA I GRANDI MAESTRI DELLA XILOGRAFIA GIAPPONESE AL MUSEO DIOCESANO

E' stata inaugurata al  Museo Diocesano  la mostra Hiroshige, Hokusai e i grandi maestri dell’Ukiyo-e nelle stampe giapponesi, un percorso attraverso 100 incisioni della scuola pittorica giapponese più conosciuta in occidente con il patrocinio del Consolato Generale del Giappone, Assessorato alla Cultura del Comune di Brescia e del Comune di Coccaglio.  

Leggi tutto...

MUSEUMfestival AL MUSEO DI SANTA GIULIA

Inizia mercoledì 9 aprile il fitto programma proposto dal museo con visite in lingua, esperienze laboratoriali, cinema e danza. Le proposte sono dedicate alle esperienze parallele e alle contaminazioni tra Oriente e Occidente. Le manifestazioni artistiche del passato si confrontano con le tendenze attuali per tradursi in occasioni preziose volte a comprendere, in chiave interculturale, le opere custodite nelle sale, insieme ad altre da tempo non esposte al pubblico. Si aggunge la mostra SUGGESTIONI D'ORIENTE, con opere dalle collezioni orientali dei Musei Civici  e la mostra STRATIFICAZIONI, dedicata all'artista giapponese Ōki Izumi.
 

Leggi tutto...

 
SPETTACOLI

LA ROSA BIANCA

Nel mese di aprile una serie di appuntamenti per approfondire il tema legato alla Rosa Bianca: Uno spirito duro, un cuore tenero. "Io non voglio sopravvivere, voglio vivere. E’ la cosa giusta da fare!” Dopo 5 giorni di interrogatori Sophie Scholl, studentessa universitaria cofondatrice del movimento antinazista “La Rosa Bianca”, decise di sottoporsi al giudizio del tribunale del popolo che accusava i giovani componenti del movimento di alto tradimento, andando incontro alla condanna a morte, sorte condivisa anche dal fratello maggiore Hans e dagli altri componenti del gruppo. Era il 22 febbraio del 1943. Sophie aveva 22 anni, Hans 25." 
 

Leggi tutto...

I RETICOLI DEL TEMPO COLMARE L’INCOLMABILE

Il centro culturale Il Chiostro propone dall'inizio del mese di aprile alcuni appuntamenti cinematografici riuniti nella rassegna I reticoli del tempo.Colmare l'incolmabile.
Le proiezioni proseguiranno  fino a giovedì 8 maggio,  presso il teatro del Chiostro di San Giovanni (contrada San giovanni,8-Brescia).

Leggi tutto...

 
BRESCIA IN PILLOLE

Flora spontanea del Parco delle Colline di Brescia

 

Le splendide giornate che questa primavera ci sta offrendo invitano a percorrere i diversi sentieri del Parco delle Colline e a godere del colore dei tanti fiori che vi crescono anche se, spesso, non ne conosciamo il nome e la specie.

Quello riprodotto qui è un esemplare di flora spontanea che potremmo incontrare nelle nostre escursioni sul Monte Maddalena: è il Limodorum abortivum, così chiamato a causa delle sue foglie scarse e squamiformi.
Appartiene alla famiglia delle Orchidaceae e fiorisce da aprile a giugno; il suo habitat naturale è costituito da boschi di conifere e latifoglie, che, nel caso della nostra montagna cittadina, si trovano sui versanti Nord e Nord-ovest. Non è tuttavia una prerogativa dei nostri monti, perché si tratta di una specie diffusa in tutta l'area eurimediterranea. In alcune zone della nostra Penisola viene chiamato anche fior di legna o fiammone.

Vi invitiamo a partire alla ricerca di questo bellissimo fiore, scegliendo i percorsi più ombrosi tra quelli proposti nella nostra sezione Itinerari nel verde, ma ricordate: guardare e non toccare…al massimo fotografare!