Comune di Brescia tourism website: useful information about what to see and where to go.

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

NEWSLETTER DEL 25 GENNAIO 2015

 La Newsletter di TurismoBrescia.it

 25 gennaio 2015

 

Raffaello . Opera Prima
Terzo episodio del progetto RINASCIMENTO

Museo di Santa Giulia, 29 gennaio - 6 aprile 2015 

Sarà Raffaello il nuovo protagonista di RINASCIMENTO,  programma culturale avviato nello scorso mese di settembre e incentrato sul patrimonio artistico della Pinacoteca Tosio Martinengo.

L’esposizione nasce con l’obiettivo di riunire i frammenti che costituivano la Pala Baronci (1500 - 1501), considerata l’opera prima di Raffaello che vi lavorò a soli 17 anni con un aiuto, il pittore Evangelista da Pian di Meleto.

La pala, che ha come tema l’incoronazione di San Nicola da Tolentino, fu commissionata all'artista per la chiesa di Sant’Agostino a Città di Castello (PG). Nel 1789, a causa di un terremoto, fu gravemente danneggiata e le parti superstiti furono disperse tra varie collezioni.
Con il terzo episodio di RINASCIMENTO vengono riunite a Brescia, presso il Museo di Santa Giulia, tutte le parti a oggi individuate in collezioni pubbliche, così l’Angelo, uno dei capolavori di Pinacoteca Tosio Martinengo, sarà accostato a tre prestiti straordinari: un secondo Angelo proveniente da Musée du Louvre di Parigi, L’Eterno Padre e la Vergine da Museo Nazionale di Capodimonte di Napoli.

Inoltre, Pala Baronci vedrà al suo fianco il disegno preparatorio realizzato da Raffaello, in prestito da Palais des Beaux Arts di Lille: un documento fondamentale per ricostruire l’originaria fisionomia dell’opera. Completa l’esposizione la copia parziale della Pala Baronci realizzata da Ermenegildo Costantini (1791), in prestito da Città di Castello.

Non perdete dunque la possibilità di vedere questi e molti altri Capolavori, ora ospitati nella magnifica cornice del Museo di Santa Giulia, le cui sezioni non finiscono mai di stupire 

 

CULTURA

L'OPERA DEL MESE DI FEBBRAIO: "CRISTO REDENTORE BENEDICENTE" DI RAFFAELLO SANZIO

Domenica 8 febbraio 2015, alle ore 15:30 presso la White Room del museo di Santa Giulia, il prossimo appuntamento de “L’opera del mese” è dedicato a una delle opere più celebri della Pinacoteca Tosio Martinengo, il Cristo redentore benedicente di Raffaello, presentata dalla storica dell'arte Roberta D’Adda, di Fondazione Brescia Musei.

Leggi tutto...

 

IL CIBO NELL’ARTE: Capolavori dei grandi maestri dal Seicento a Warhol

Dal 24 gennaio al 14 giugno 2015 Palazzo Martinengo di Brescia ospiterà la mostra “Il cibo nell’arte. Capolavori dei grandi maestri dal Seicento a Warhol”, che presenterà oltre 100 opere di maestri dell’arte antica quali Campi, Baschenis, Ceruti, Figino, Recco, Ruoppolo, Stanchi, che dialogheranno con autori moderni e contemporanei, da Magritte a de Chirico, da Manzoni a Fontana, a Lichtenstein, fino a Andy Warhol. 

Leggi tutto...

 

APPUNTAMENTO CON MUSEO PER TUTTI

Sabato 24 gennaio 2015 alle ore 15.30 è in programma il quarto laboratorio del ciclo WEEKENDinARTE. Si vuole così favorire la creatività e sollecitare l’interesse verso il patrimonio culturale nei bambini dai 5 agli 11 anni, accompagnati dai propri famigliari e guidati dalla figura esperta dell’operatore didattico. I laboratori consentono di trascorrere piacevolmente il tempo libero nei Musei cittadini, in un confronto dialettico tra le antiche testimonianze e le regole e le tecniche che distinguono il linguaggio artistico contemporaneo

Leggi tutto...

 
MANIFESTAZIONI

DANCE INSIGHTS

A Brescia un ciclo di incontri fra danza e paesaggio. Il percorso è dedicato alla danza in relazione con le altre arti prodotto da Container 12 e affidato alla curatela di Francesca Pedroni, docente di Storia della danza e del balletto alla Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala. Gli incontri partono da una riflessione a più voci su quali siano le relazioni che la danza, nella sua molteplicità di percorsi, instaura con il paesaggio. 

Leggi tutto...

 
SPETTACOLI

FUOCO BAROCCO: DA BACH A NOI

“Fuoco barocco: da Bach a noi” è il titolo scelto per la 52esima edizione del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo. Un emozionante percorso che ci porterà a riascoltare in una luce nuova capolavori di epoche diverse che hanno attinto a piene mani da antiche forme barocche per ricrearle in forme originali partendo dalla figura di Johann Sebastian Bach, il compositore che più di ogni altro ha determinato la storia della musica occidentale.
 

Leggi tutto...

 
BRESCIA IN PILLOLE


Personaggi bresciani illustri: Nicolò Tartaglia

Il numero di turisti stranieri che visitano la nostra città è aumentato negli ultimi anni in maniera esponenziale. Tutti ammirano il nostro patrimonio artistico e monumentale; rimangono abbagliati dalla ricchezza del Museo di Santa Giulia e stupiti di trovare un’area archeologica romana così vasta. Capita spesso, però, che gruppi di stranieri chiedano di vedere il monumento a Nicolò Tartaglia. Ebbene, il matematico bresciano, autore, tra l’altro, del "General trattato di numeri et misure" è più conosciuto all’estero che tra i suoi concittadini! Il monumento a lui dedicato si trova in via Trieste, angolo via Veronica Gambara, in una piazzetta realizzata tra gli anni Venti e Trenta del secolo scorso, dove il cinquecentesco matematico è raffigurato seduto a fianco di una sfera armillare, nell’atto di utilizzare un compasso. Un’ulteriore dedica a questo illustre concittadino è costituita da una lapide posta a destra del portale del Duomo Vecchio, che ricorda come, durante il sacco di Brescia da parte dei francesi, nel 1512, Niccolò Tartaglia si rifugiò nella cattedrale.

Tartaglia nacque a Brescia intorno al 1499; il nome con cui veniva chiamato suo padre, morto durante la primissima infanzia di Niccolò, era Micheletto Cavallaro.  A Niccolò fu attribuito il cognome Tartaglia a causa della sua balbuzie. Di famiglia molto povera, studiò da autodidatta, occupandosi, con intuizioni geniali, di molti rami della matematica. A lui viene riconosciuto anche il merito della  scoperta della risoluzione dell'equazione cubica.

Se passate per via Trieste, fermatevi a rendere omaggio a questo grande matematico e magari approfittatene per fare una visita alla bellissima chiesa di Santa Maria in Calchera, che si trova proprio alle sue spalle.