Portale del turismo del Comune di Brescia: tutte le informazioni utili per la visita della città

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

Brescia nella Lista del Patrimonio Mondiale Unesco

Monastero di San Salvatore-Santa Giulia, chiesa di San Salvatore

I Longobardi in Italia. I luoghi di potere (568-774 d.C.).
San Salvatore - Santa Giulia e l'area archeologica monumentale iscritti nella lista del Patrimonio Mondiale UNESCO.

Da sabato 25 giugno 2011 il sito seriale “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)” è nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.
Per l’Italia si tratta del 46° sito iscritto nella celebre Lista, confermando per il nostro paese la posizione di primato all’interno di essa.

Il sito seriale “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)” che, oltre a Brescia, include anche Cividale del Friuli, Torba-Castelseprio, Campello sul Clitunno, Spoleto, Benevento e Monte Sant'Angelo, comprende le più importanti testimonianze monumentali longobarde esistenti sul territorio italiano, sparse dal nord al sud della penisola, laddove si estendevano i domini dei più importanti ducati longobardi.

I beni compresi nel sito, frutto di una rigorosa ed accurata selezione, sono, ognuno per la propria tipologia specifica, il modello più significativo o meglio conservato tra le numerose testimonianze diffuse sul territorio nazionale e, nel loro insieme, rispecchiano l’universalità della cultura longobarda nel momento del suo apice.

Essi rappresentano quindi la quintessenza del patrimonio artistico ed architettonico delle gens Langobardorum che, come noto, si espressero in forme monumentali solo dopo il loro stanziamento in Italia, a seguito di un lungo periodo di migrazione che dalla Scandinavia li vide attraversare i paesi del nord-est europeo.

Ad oggi, inoltre, il periodo longobardo non è presente nella Lista del Patrimonio Mondiale e questo riconoscimento risponde quindi alla necessità che la Lista sia rappresentativa di tutte le culture e di tutte le civiltà. Il fatto che non si tratti di un sito singolo, ma di una rete costituisce infine un elemento di notevole importanza e novità.
 
Dei luoghi longobardi iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale, Brescia vanta la maggiore estensione, costituita dal complesso monastico di san Salvatore - Santa Giulia e dall’area archeologica del Capitolium. Questa è stata inserita su espresso suggerimento dell’ICOMOS (International Council of Monuments and Sites) quando la candidatura, presentata nel gennaio 2008, è stata rivista e implementata.

Il complesso monumentale di San Salvatore - Santa Giulia di Brescia è uno straordinario palinsesto architettonico che ingloba il monastero femminile edificato dal duca di Brescia Desiderio, con la moglie Ansa, nel 753, prima di diventare re. La chiesa di San Salvatore costituisce una delle testimonianze più importanti dell’architettura religiosa altomedievale conservata in alzato.
Il monastero, che disponeva di strutture per l’accoglienza dei pellegrini e per l’alloggio dei poveri, rivestì un ruolo fondamentale nella società dell’epoca, sia come riferimento religioso, sia dal punto di vista politico ed economico.
La sua importanza non diminuì dopo la caduta dei Longobardi: la ricchezza delle sue dotazioni e il suo alto prestigio portarono nei secoli a nuovi importanti interventi architettonici, che ampliarono il complesso desideriano sino ad arrivare alla struttura attuale che comprende, oltre a tre chiostri di diversa epoca, la chiesa romanica di Santa Maria in Solario, il coro quattrocentesco e la chiesa cinquecentesca di Santa Giulia.
Attualmente l’intero complesso, frutto di uno splendido intervento di recupero e valorizzazione, è sede del Museo della Città, che ospita le più alte testimonianze artistiche della lunga storia di Brescia e del suo territorio.Tempio Capitolino

Nella vicina area archeologica del Capitolium sono ancora visibili gli edifici più antichi e più significativi della città romana: una sequenza di santuari di età repubblicana (II-I secolo a.C.), il Capitolium (73 d. C.), il teatro (I-III secolo d. C.), il tratto del lastricato del decumano massimo.

Sui resti di età romana si leggono inoltre le tracce della presenza longobarda, costituite prevalentemente da strutture produttive e sepolture. In questa zona ben circoscritta della città si legge quindi una stratigrafia ininterrotta di testimonianze che si estendono dal II secolo a.C. sino all’Ottocento particolarmente ricca e articolata. Nel 1830 nel Capitolium inoltre fu posta la sede del Museo Patrio, primo museo cittadino a inaugurare la vocazione museale di quest’area.