Portale del turismo del Comune di Brescia: tutte le informazioni utili per la visita della città

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

Logroño

Veduta della città di Logroño dal "ponte di ferro" sul fiume Ebro

Brescia è gemellata con Logroño dal 1 giugno del 2006

Logroño è capitale de La Rioja, piccola comunità autonoma del nord della Spagna, sede dei relativi organi amministrativi e sede vescovile; bagnata dal fiume Ebro, che segna il confine coi paesi baschi,  conta attualmente circa 150.000 abitanti.  La regione di cui è dinamico capoluogo è una delle più importanti aree di produzione vinicola della Spagna grazie al suo famoso e omonimo vino rosso, il primo vino spagnolo a cui sia stata assegnata la categoria di denominazione di origine calificada. L'eccellenza dei suoi prodotti e la raffinatezza della cucina locale hanno consentito a Logroño di essere nominata, nel 2012, prima "Capital española de la gastronomia". Oltre alla cultura del vino e a numerose analogie del tessuto produttivo e commerciale, la unisce a Brescia il comune gemellaggio con la città tedesca di Darmstadt.
Il suo nome deriva dal termine celtico Gronio che significa guado. I Romani, del cui passagio esistono nella zona numerose testimonianze, la chiamarono Vareia. Fu occupata dagli Arabi e liberata nel 1092 dal leggendario Cid Campeador. A partire dall'XI secolo la città crebbe in importanza per la sua strategica posizione di incrocio di importanti vie di comunicazione la più importante delle quali, il Cammino di Santiago, porta alla scoperta di Logroño pellegrini di tutto il mondo. E' del 1521 un episodio storico che curiosamente accomuna le due città: la città spagnola, assediata per 17 giorni dalle truppe francesi di Andrès de Foix, ottiene alla fine la vittoria l'11 giugno, San Bernabé, da allora patrono della città. Analogamente, Brescia subisce l'assedio, e purtroppo un rovinoso saccheggio, da parte delle truppe francesi di Gastone de Foix, nel 1512.
I principali punti di interesse della città sono:  la concattedrale di Santa Maria de La Redonda, che deve il suo nome a un antico tempio medioevale di pianta circolare che sorgeva nel sito; la chiesa attuale risale al XVI secolo e al suo interno è conservata una piccola Crocifissione attribuita a Michelangelo; San Bartolomé, chiesa romano-gotica dei secoli XII-XVI; Santa Maria de Palacio, chiesa dei Templari del XII poi rimaneggiata in periodo barocco; Santiago el Real, chiesa del  XVI secolo di evidente importanza per i pellegrini che percorrono il Cammino che, con la Rua Vieja, attraversa la città più antica; i due ponti "storici" che attraversano l'Ebro sono il Puente de piedra e il Puente de hierro - recentemente restaurato - entrambi di fine '800. Delle antiche mura resta una piccola sopravvivenza nelle Murallas y cubo del Revellin, che comprendono l'antica porta del Cammino. Poco distante è l'antico Convento de la Merced, più volte rimaneggiato e ora sede del Parlamento de La Rioja - il governo regionale. Testimonianza della vocazione vinicola di Logroño sono i calados, costruzioni caratteristiche scavate sotto terra o poste sotto le case, che servivano alle famiglie per conservare piccole scorte del vino  prodotto; erano costruite in conci di pietra con uno o due corridoi a volta per il deposito delle botti ed avevano generalmente accesso diretto al fiume. Il più recente omaggio della città alla cultura del vino è il Centro de la cultura del Rioja. Situato nel cuore del Casco Antiguo, il centro storico, coniuga il recupero e la valorizzazione del patrimonio col design contemporaneo che, nella facciata principale  realizzata interamente con fondi di bottiglia e nel dominante colore bordeaux,  suggerisce la nuova destinazione d'uso dell'edificio. Da non perdere nei dintorni il Monasterio de San Millán, culla del castigliano e Patrimonio dell'Umanità dal 1997; sempre sul Cammino di Santiago la bella cattedrale di Santo Domingo de la Calzada e a Nájera il Monasterio de Santa Maria la Real, col Panteon de los reyes de Navarra.
Le relazioni tra Brescia e Logroño
Pur essendo un gemellaggio abbastanza recente, le relazioni che si sono instaurate tra le due città sono numerose e vivaci. I primi contatti, manco a dirlo, hanno avuto per tema il vino. Brescia ha partecipato a due edizioni di una importante manifestazione sull'enoturismo "Destinovino" organizzate dalla Comunità autonoma della Rioja, in collaborazione con le Strade del vino della nostra provincia. Sul tema enogastronomico ci sono state anche serate di cucina comparata con la presenza a Brescia di cuochi da Logroño e Darmstadt, la partecipazione ad "Aliment" della Escuela de Hostelería y turismo de la Rioja, degustazioni comparate di vini bresciani e spagnoli per finire con la partecipazione di Logroño, capitale spagnola della gastronomia, all'edizione 2012 di "Brescia con gusto". Altro tema importante è quello dell'arte: Brescia ha ospitato una mostra a Santa Giulia, dal titolo "11111 - artisti contemporanei spagnoli da Logroño" con contributi di cinque affermati protagonisti della scena non solo locale ed ha proseguito con scambi di studenti delle relative accademie d'arte in ambito Erasmus. Attivati anche diversi stage nell'ambito di un altro progetto comunitario, Leonardo, con ragazzi spagnoli inseriti in ambito lavorativo a Brescia. L'Orchestra sinfonica della Rioja ha tenuto in città un bel concerto su musiche di Manuel Falla e ci sono contatti fra gruppi teatrali per partecipazioni in qualità di ospiti nelle rispettive stagioni. Come Darmstadt, anche Logroño partecipa regolarmente alle iniziative organizzate dall'Assessorato al turismo e gemellaggi per la Giornata Europea delle Lingue del 26 settembre e da questa partecipazione è nata l'attività che sta riscuotendo maggior successo tra gli studenti delle nostre scuole superiori: stage lavorativi estivi nella città spagnola in uffici turistici, musei, enti ed istituzioni varie per il perfezionamento della lingua ma anche per sperimentare l'inserimento lavorativo all'estero in piena autonomia. Attivi anche scambi sportivi, per ora in ambito calcistico.

In occasione della firma del gemellaggio nel 2006, il Comune di Brescia ha intitolato alla città di Logroño il Bastione di San Marco del Castello

Vai al sito ufficiale della città di Logroño

 

Galleria: