Portale del turismo del Comune di Brescia: tutte le informazioni utili per la visita della città

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

NEWSLETTER DEL 25 MAGGIO 2014

 

 La Newsletter di TurismoBrescia.it 

25 maggio 2014

Accampamento degli Zuavi sugli spalti di Brescia 

Domenica 8 giugno verrà presentata al Museo di Santa Giulia la nuova Opera del Mese: Accampamento degli Zuavi sugli spalti di Brescia nel giugno del 1859 di Angelo Inganni.

Chi erano gli Zuavi? Perché si trovavano a Brescia nel giugno del 1859?

Il corpo degli Zuavi, costituito nel 1830, poco dopo la conquista di Algeri da parte dell’esercito francese, militava nell’esercito franco-piemontese; in origine era composto da un solo reggimento di mercenari provenienti, in gran parte, dalla tribù berbera degli zouaoua. Pochi giorni prima della grande battaglia di Solferino (24 giugno 1859), l’esercito franco-piemontese si concentrò a Brescia (dal 18 al 21 giugno), quale provvisorio quartiere generale di Vittorio Emanuele II e di Napoleone III; sugli spalti delle mura cittadine si accamparono le truppe della Guardia imperiale insieme ad un reggimento di Zuavi. La presenza degli eserciti alleati a Brescia è variamente testimoniata, oltre che dalle cronache giornalistiche e dalla memorialistica, dalle illustrazioni pubblicate sulle riviste francesi e da alcuni disegni e dipinti di Angelo Inganni che, in una sorta di reportage per immagini di notevole immediatezza, descrive gli accampamenti degli Zuavi, in quei giorni pure visitati da una “moltitudine” di Bresciani curiosi. L’obiettività descrittiva di Inganni è riservata all’ambientazione e agli Zuavi che, nelle loro esotiche uniformi coloniali, sembrano mantenere la proverbiale fierezza nonostante gli atteggiamenti rilassati. Al centro della composizione si pongono, quali testimoni diretti, lo stesso Inganni e la moglie Amanzia, ben riconoscibili dal cilindro e dal parasole. Nei prossimi giorni tutti i dettagli del programma dell'Opera del Mese. Seguiteci su: http://www.turismobrescia.it/it/notizie
 

CULTURA

ARTE CINETICA AL MUSEO DI SANTA GIULIA

Inaugura a Brescia, venerdì 23 maggio 2014 alle ore 17.30 nella sala dell'affresco, all'interno del Museo di Santa Giulia, la mostra Arte Cinetica. La mostra nasce nell’ambito dei corsi e laboratori di storia dell’arte contemporanea del percorso formativo in Ideazione e produzione per l’organizzazione artistica del corso di laurea S.t.ar.s.

Leggi tutto...

 

ANTEPRIMA DELLA MOSTRA CAPOLAVORO

Venerdì 23 maggio alle ore 17.30 si inaugura l'Anteprima  (23 maggio - 8 giugno 2014) della mostra CapoLavoro, curata da Mauro Corradini e Fausto Lorenzi. Già dal 1975 il Maggio Culturale fu animato da mostre d'arte, come risposta di Brescia alla strage fascista del 1974, che in piazza della Loggia aveva colpito direttamente i lavoratori in una manifestazione sindacale: la cultura come momento di aggregazione e riflessione.

Leggi tutto...

 
MANIFESTAZIONI


FESTIVAL DANZA POPOLARE AL PARCO CASTELLI

Nell'ultimo fine settimana del mese di maggio torna protagonista al parco Castelli il Festival della danza popolare. In uno spazio aperto a tutti, qual è il parco Castelli, circondato dalle splendide colline bresciane, ci si sentirà parte della festa, grazie alla danza e alla musica, occasioni di incontro, allegria e serenità. Quest'anno sono previste diverse interessanti iniziative. 

Leggi tutto...

 

TREKKING DI PRIMAVERA

Domenica 25 maggio 2014 si terrà il Trekking di Primavera. Il classico appuntamento dei bresciani con la camminata salutare e istruttiva quest’anno raddoppia: oltre al tradizionale appuntamento autunnale, l’Assessorato al Turismo del Comune di Brescia propone infatti per la prima volta un ”Trekking di Primavera”. 

Leggi tutto...

 
SPETTACOLI

RITORNO AL FUTURO PROSSIMAMENTE A BRESCIA

Apre a Brescia, venerdì 23 maggio 2014 "Ritorno al futuro", il festival delle nuove creatività lombarde. Il festival si propone come una vetrina per alcune giovanissime compagnie teatrali che intendono proporre le proprie produzioni in un piccolo ma importante festival.
 

Leggi tutto...

SPORTSHOW 2014 A BRIXIAEXPO!

Dopo il successo crescente delle prime due edizioni (25.000 visitatori nel 2012 e 27.000 nel 2013), SportShow ritorna nel 2014 con la terza edizione ricca di moltissime novità tutte dedicate ai visitatori, che si trasformeranno in sportivi attivi nelle tante arene dello sport allestite nei 15.000 metri interni e nei 5.000 metri esterni dell'area espositiva.

Leggi tutto...

 
BRESCIA IN PILLOLE

La storia di Giulia 

Giulia, vergine, santa e martire, nacque a Cartagine e morì in Corsica.  Il 22 maggio è il giorno a lei dedicato. Il suo nome si trova in tutti i martirologi, compresi quelli più antichi. Secondo numerose  recensioni, Giulia, ragazza cartaginese e di nobile famiglia, visse nel V secolo. La Passio racconta che fu fatta schiava da un commerciante pagano, tale Eusebio, che la condusse in Siria. Giulia, per le sue doti di dolcezza e sottomissione, conquistò Eusebio che la portava con sé nei suoi numerosi viaggi. Proprio durante  il viaggio verso la Gallia, fecero naufragio al largo della Corsica, a Capo Còrso. Qui, mentre Eusebio partecipava ad un sacrificio pagano, Giulia fu prelevata dalla nave, torturata e crocifissa in odio alla sua fede cristiana.  Per avviso celeste, il suo corpo fu trafugato dai monaci e sepolto con tutti gli onori nell’isola di Gorgona. Verso il 763 Ansa, moglie del re longobardo Desiderio, fece traslare le reliquie della santa nella chiesa del monastero benedettino di san Salvatore a Brescia,  consacrata nell'occasione da Papa Paolo I. Sul finire del XVI secolo accanto alla chiesa di San Salvatore venne costruita una chiesa dedicata a santa Giulia (oggi auditorium), per cui le reliquie della santa furono qui sistemate sotto l'altar maggiore della nuova chiesa (17/12/1600). Con la soppressione del Monastero di santa Giulia dopo l'arrivo delle truppe napoleoniche, le reliquie di Giulia vennero accolte nella chiesa di San Pietro in Oliveto e in seguito nella chiesa del Corpo di Cristo.  Negli anni sessanta del secolo scorso le  reliquie sono state trasferite nella chiesa del Villaggio Prealpino, dove sorge la chiesa a lei dedicata.