Portale del turismo del Comune di Brescia: tutte le informazioni utili per la visita della città

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

Troyes

Troyes: le caratteristiche case a graticcio

Brescia è gemellata con Troyes dal 5 giugno 2015.

Troyes si trova nell’Aube, dipartimento della regione Champagne-Ardenne, nel nord della Francia, a un’ora e mezza da Parigi. Con l’agglomerato conta 130.000 abitanti ed è una città che offre una qualità di vita molto elevata e una fervente attività commerciale, peraltro di lunga tradizione, poiché già nel XII secolo vi si tenevano le famose Foires de Champagne, con scambi commerciali tra il sud e il nord Europa.
Capitale storica della regione, Troyes possiede un patrimonio architettonico, artistico e culturale di grande valore.  Il suo centro storico, chiamato Bouchon de Champagne (tappo di champagne) in quanto ne riproduce la forma, presenta costruzioni tipiche del tardo medioevo con case a graticcio dai molti colori, tutte restaurate con tecniche conservative e utilizzo di materiali lignei.
Imponente la cattedrale gotica, classificata Monumento storico di Francia, nella quale si trova la testa di San Bernardo di Chiaravalle.
Le caratteristiche storiche e culturali che costituiscono dei punti in comune tra la città di Troyes e la città di Brescia si possono così riassumere:
- entrambe furono importanti città romane. Anche Troyes (Augustobona Tricassium per i romani) porta ancora la pianta e la denominazione di alcune vie secondo la suddivisione in “cardo” e “decumano”;
- dal IV secolo, Troyes  è importante sede vescovile francese e  ha dato i natali ad un papa, Urbano;
- nel 1115, San Bernardo si trasferì nel dipartimento dell’Aube, perché vi fosse fondato un nuovo convento cistercense: l’abbazia di Chiaravalle, da cui egli stesso prese il nome, fu costruita a 15 Km dal centro di Troyes. Nel 1119 venne indetto il Concilio di Troyes durante il quale il nuovo Ordine dei Cavalieri del Tempio, la cui regola fu ispirata da Bernardo, ottenne l’approvazione di papa Onorio II. Nella storia comune del periodo successe che, nella sua acerrima lotta contro le eresie, Bernardo si scagliò contro Arnaldo da Brescia;
- A Troyes come a Brescia, fino al XVI secolo, si fabbricavano e incidevano stemmi, scudi, sigilli e armature;
- A partire dal XVII secolo, si sviluppa a Troyes l’industria tessile, che continua anche ai giorni nostri, con utilizzo di macchinari prodotti nella nostra provincia. A Troyes hanno tuttora sede grandi marche come la “Lacoste” e “Le petit bateau”.
-
Oggi l’economia portante di Troyes è costituita da:
o produzione di vini d’eccellenza (Champagne)
o industria tessile
o industria dei pneumatici (vi ha sede la Klebert)

La collaborazione tra Brescia e Troyes, come già quella con Logroño, è stata favorita dall’intermediazione di Darmstadt, con la quale Troyes è gemellata da oltre 50 anni. I primi scambi hanno visto protagoniste le scuole bresciane, dalle materne alle superiori, invitate - a partire dall’anno scolastico 2006/2007 - a partecipare ad un concorso di arti plastiche indetto dal Centro per l’UNESCO. Ben 5 scuole bresciane sono state riconosciute tra le prime classificate su oltre 6.000 opere pervenute da 82 Paesi del mondo.
L’attività di scambio sul piano artistico/educativo promossa dal Centro per l’UNESCO si è via via consolidata; nel corso del 2009 una studentessa dell’Università Cattolica vi ha svolto uno stage  e nel maggio dello stesso anno Brescia è stata la città ospite d’onore in Francia in occasione delle premiazioni del concorso “Graines d’Artistes”. Da quella data, ogni anno, la municipalità di Troyes è stata presente in tutte le iniziative internazionali promosse dall’ufficio Gemellaggi del Comune di Brescia.

Galleria: