Portale del turismo del Comune di Brescia: tutte le informazioni utili per la visita della città

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

L'INQUIETO PENSARE: I POMERIGGI FILOSOFICI IN SAN BARNABA

Gio, 01/02/2018 - 12:47 -- fdiawara
Brescia, i Pomeriggi in San Barnaba

Da martedi 6 febbraio a martedì 27 marzo tornano i Pomeriggi in San Barnaba, otto appuntamenti con le grandi voci della cultura italiana, per riflettere su grandi temi della civiltà. “L’INQUIETO PENSARE. Domande ricorrenti della filosofia” è il titolo del programma di questa edizione, che vedrà impegnati come relatori Massimo Cacciari, Salvatore Natoli, Eugenio Lecaldano, Remo Bodei, Adriana Cavarero, Salvatore Veca, Sergio Givone ed Emanuele Severino.

C’è stato un tempo in cui la filosofia era considerata la regina delle scienze. E oggi? Di fonte alle magnifiche sorti progressive delle varie scienze, il sapere filosofico potrebbe apparire come un campo di lotte inconcludenti e senza fine. Tuttavia a chi ritiene che le sole domande sensate sono quelle che possono avere una risposta, si potrà obiettare che quand’anche tutti i problemi scientifici avessero ottenuto una soluzione, non avremmo neppure cominciato a sfiorare gli interrogativi relativi al senso dell’esistenza. L’accumularsi di risposte a buon mercato erode lo spazio del domandare originario.
Gli otto incontri di questa edizione dei Pomeriggi in San Barnaba intendono dunque ripercorrere alcune questioni ricorrenti della storia della filosofia, formulate proprio come domande e affidate all’inquieto pensare di alcuni dei più importanti filosofi italiani nella consapevolezza che la filosofia non conosce scorciatoie, è destinata alla fatica del concetto, alle aporie, ai sentieri interrotti, sembra non avere né oggetto né patria.

E ci sarà data l’occasione di farlo mettendo al centro della speculazione importanti questioni, sulle quali si sono a lungo interrogati gli illustri pensatori ospiti della rassegna.

Inizio incontri ore18.00, apertura sala dalle 17.40.
L'ingresso libero fino ad esaurimento posti.