Portale del turismo del Comune di Brescia: tutte le informazioni utili per la visita della città

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

LONGOBARDI IN VETRINA: 15 MOSTRE IN 13 MUSEI PER CONOSCERE I LONGOBARDI

Ven, 18/01/2019 - 13:59 -- fuva
Brescia, Longobardi in Vetrina: L'Ideale Guerriero

Il direttore del Museo delle Civiltà - Museo dell'Alto Medioevo, Filippo Maria Gambari, e la Presidente dell'Associazione Italia LangobardorumLaura Castelletti, presenteranno a Roma martedì 29 Gennaio 2019 alle ore 12:00 il nuovo progetto "Longobardi in vetrina. Scambi e condivisioni tra musei per valorizzare il patrimonio longobardo": 15 mostre dedicate a 7 diversi aspetti della cultura del popolo longobardo, attraverso le le collezioni di 13 musei. Il programma, realizzato con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, promuove la diffusione della conoscenza della cultura longobarda attraverso la valorizzazione delle realtà museali presenti nei sette singoli complessi monumentali, parte integrante del sito UNESCO, ma anche in musei espressione dei territori coinvolti dal passaggio dei Longobardi. In particolare, la mostra ospitata a Brescia sarà L'ideale Guerriero e inaugurerà il 31 Gennaio

Il progetto prevede una collaborazione e sinergia tra musei con scambi temporanei di reperti, articolati in  esposizioni tematiche, tra musei della rete del sito UNESCO (Museo Archeologico Nazionale di Cividale del Friuli, l'antiquarium di Castelseprio, il Museo di Santa Giulia di Brescia, il Museo nazionale del Ducato di Spoleto, il tempietto di Campello sul Clitunno,  il museo Diocesano di Benevento, i Musei TECUM di Monte Sant'Angelo) e altri sette musei presenti sul territorio nazionale.   

A potenziare gli scambi tra i musei, le mostre temporanee e le attività culturali di supporto vi sono una mostra virtuale online realizzata con MOVIO (www.longobardinvetrina.it) e un catalogo unico, caratterizzando questo progetto come la prima mostra diffusa a livello nazionale, intesa come insieme di mostre sulla cultura Longobarda; la più grande per estensione territoriale e coinvolgimento di istituzioni e di patrimonio storico-archeologico.  

Il Sito seriale "I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)" comprende le più importanti testimonianze monumentali longobarde esistenti sul territorio italiano, che si situano dal nord al sud della Penisola, laddove si estendevano i domini dei più importanti ducati longobardi. I beni compresi nel Sito, rigorosamente selezionati, sono, ognuno per la propria tipologia, il modello più significativo o meglio conservato tra le numerose testimonianze diffuse sul territorio nazionale e rispecchiano l’universalità della cultura longobarda nel momento del suo apice.

Per quanto riguarda la città di Brescia, la mostra ospitata nel museo di Santa Giulia avrà come tema la figura del guerriero longobardo. Quando si parla di Longobardi la prima immagine che viene in mente è quella delle armi e di un guerriero che le indossa o le brandisce. Quello del guerriero longobardo è un topos nella visione collettiva dell’altomedioevo, sia per l’importanza che questa figura rivestiva all’interno del proprio gruppo sociale, sia perché larga parte degli studi in merito ai Longobardi derivano dai ritrovamenti di necropoli, contesti nei quali emerge con forza la volontà della società del tempo di rappresentare la maggior parte della compagine maschile come guerrieri.

Sia nel Museo di Santa Giulia a Brescia, sia in quello dell’Alto Medioevo di Roma, i reperti provenienti da necropoli fanno la parte del leone. A Santa Giulia in particolare sono esposte sia necropoli individuate nell’ultimo quarto dell’Ottocento (Milzanello di Leno, Darfo, Botticino Sera, Calvisano, Brescia), sia necropoli scavate in tempi più recenti e quindi molto interessanti per i numerosi dati che rivelano.
Al Museo Nazionale dell’Alto Medioevo di Roma sono invece conservati gli straordinari reperti provenienti dai sepolcreti di Nocera Umbra (PG) e Castel Trosino (AP). I lavori, condotti tra il 1897 e il 1898 da Angiolo Pasqui a Nocera Umbra (necropoli “Il Portone”) e tra il 1893 e il 1896 da Raniero Mengarelli a Castel Trosino (necropoli “Santo Stefano”), hanno permesso di mantenere quasi inalterate le relazioni tra gli oggetti e le tombe di provenienza, offrendo dati importanti per lo studio e la ricerca.

I musei coinvolti nel progetto sono i seguenti:

  • Museo Archeologico Nazionale di Cividale del Friuli (UD)
  • Museo Archeologico di Povegliano Veronese
  • Antiquarium di Spilamberto (MO)
  • Museo di Santa Giulia di Brescia
  • Museo delle Civiltà - Museo dell'Alto Medioevo di Roma
  • Parco Archeologico e Antiquarium di Castelseprio (VA)
  • Civico Museo Archeologico di Milano
  • Museo Nazionale del Ducato di Spoleto
  • Tempietto sul Clitunno di Campello sul Clitunno
  • Museo Diocesano di Benevento
  • Biblioteca Capitolare di Benevento
  • Museo TECUM del Santuario di San Michele Arcangelo
  • Musei Reali di Torino e Museo di Antichità

LONGOBARDI IN VETRINA. SCAMBI E CONDIVISIONI TRA MUSEI PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO LONGOBARDO
29 gennaio - 14 luglio 2019
Museo delle Civiltà - Museo dell'Alto Medioevo
Roma, Piazza Guglielmo Marconi 14

Orari:
da martedì a domenica 8:00-19:00

IL GUERRIERO LONGOBARDO. DUE FIGURE DI GUERRIERI E DUE GENERAZIONI DI CORREDI A CONFRONTO TRA ROMA E BRESCIA, UN PERCORSO FRA DIFFERENZE CULTURALI, IDENTITÀ SOCIALI E ORGANIZZAZIONE BELLICA. 
31 gennaio - 14 luglio 2019
Museo di Santa Giulia
Brescia, via Musei 81/b

Orari:
da martedì a venerdì 9:00-17:00
sabato 10:00-21:00
domenica e festivi 10:00-18:00

Contatti
e-mail: longobardinitalia@gmail.com ; santagiulia@bresciamusei.it
Siti web: www.longobardinitalia.it / www.longobardinvetrina.it ; www.bresciamusei.com
Pagina Facebook: Longobardi-in-Italia