Portale del turismo del Comune di Brescia: tutte le informazioni utili per la visita della città

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

OMAGGIO A UN MITO DIVINO: RAFFAELLO

Gio, 01/10/2020 - 11:43 -- spasetti
Brescia, mostra "Raffaello. L'invenzione del divino pittore"
In occasione del cinquecentenario della morte, Brescia e Milano rendono omaggio al pittore Raffaello, con due mostre che inaugurano il 2 ottobre, dal titolo Raffaello. Custodi del mito in LombardiaL’obiettivo dei progetti espositivi ed editoriali è quello di restituire  l’idea della cultura figurativa raffaellesca, che spesso prescindeva dalla conoscenza degli originali e si basava principalmente sull’analisi di disegni, stampe e oggetti d’arte diventando poi strumento e testimonianza della formazione di molti pittori e oggetto del desiderio per collezionisti e cultori del mito.
Un itinerario che darà testimonianza delle invenzioni raffaellesche in Italia e Europa dall'inizio del Cinquecento alla metà dell'Ottocento. Non mancheranno attività e iniziative collaterali di approfondimento del genio raffaellesco con varie tappe in Lombardia, tutte aperte al pubblico.  
 
Raffaello. Custodi del mito in Lombardia è un omaggio nell'anno delle celebrazioni dedicate alla figura dell'artista e allo stesso tempo un percorso di studio, per conoscere e comprendere il "divino pittore", come la sua visione abbia rivoluzionato la pittura, come la leggenda si sia tramandata senza flessioni nei secoli, e, in particolare, come si è custodita la sua memoria in Lombardia. A Brescia, la Fondazione Brescia Musei e a Milano il Castello Sforzesco presentano due progetti espositivi e un ricco calendario di appuntamenti condivisi con diverse istituzioni culturali della Lombardia che hanno ricoperto nel tempo e ricoprono tuttora il ruolo di custodi del mito di Raffaello. Oltre Brescia e Milano, le istituzioni culturali di Mantova, Cremona, Bergamo, Pavia, Crema e Busto Arsizio celebrano il maestro urbinate con una programmazione condivisa. 
A Brescia inaugura Raffaello. L'invenzione del divino pittore. Oltre cento opere, tra incisioni, dipinti e oggetti d'arte, suddivise in più sedi espositive, il Museo di Santa Giulia, sede principale, Palazzo Tosio e la Pinacoteca Tosio Martinengo. 
Presso il Museo di Santa Giulia, la mostra a cura di Roberta D'Adda presenta una scelta di incisioni provenienti dalle collezioni bresciane - che vantano più di seicento fogli - realizzate dall'opera pittorica di Raffaello. A partire dalle incisioni prodotte da Marcantonio Raimondi e dal gruppo di incisori che furono coinvolti da Raffaello nell’attività della sua bottega, la mostra si sviluppa attraverso alcuni oggetti ispirati al maestro e realizzati nel Cinquecento fino ad arrivare ai secoli successivi, al Seicento e al Settecento, con stampe di Giorgio Ghisi, Carlo Maratta, Orazio Borgianni, Nicolas Dorigny e Raffaello Morghen e con la straordinaria impresa dell’illustrazione delle Logge e delle Stanze Vaticane, realizzata da Volpato su fogli di grande formato. L’Ottocento è il secolo in cui Brescia, grazie all’operato di Paolo Tosio, divenne uno dei nodi della rete di relazioni e influenze che determinarono un rinnovamento romantico del mito di Raffaello. In mostra, accanto alle incisioni della scuola di Brera, opere di diversi intagliatori europei, tra i quali Ludwig Grüner, amico di Paolo Tosio e consigliere artistico della regina Vittoria e del principe Alberto. All’interno del percorso alcuni pezzi unici, mai esposti prima, provenienti dalla Raccolta Emilio Anderloni, tra cui le lastre in rame e i disegni delle Stanze di Pietro Anderloni.

La visita si completa con un itinerario in città tra Pinacoteca Tosio Martinengo, che custodisce due capolavori di Raffaello - Il Redentore e l'Angelo - e l’Ateneo di Brescia - Accademia di Scienze Lettere e Arti in Palazzo Tosio, che presenta una serie di stampe raffaellesche di grande formato. 
 
Milano nelle sale del Castello Sforzesco in mostra disegni, incisioni e maioliche rinascimentali tratte da invenzioni dell'Urbinate, grazie a nuove ricerche e studi indirizzati alla figura di Giuseppe Bossi, collezionista, disegnatore e pittore, nel segno di Raffaello.
 
RAFFAELLO. CUSTODI DEL MITO IN LOMBARDIA

- Raffaello. L'invenzione del divino pittore
Museo di Santa Giulia
2 ottobre 2020 - 10 gennaio 2021
Orari mostra martedì - domenica 10.00 -18.00
Chiuso tutti i lunedì non festivi
La biglietteria chiude alle ore 17
Intero €8,00
Ridotto (gruppi e convenzioni) €6,00
Ridotto (14-18, over 65, universitari) €4,50
Ridotto (scuole, 6-13, universitari min. 10) €3,00
CUP Centro Unico Prenotazioni
Tel. 030.2977833 - 834

 
Pinacoteca Tosio Martinengo
Piazza Moretto, 1, Brescia
Il biglietto di accesso alla mostra Raffaello. L’invenzione del divino pittore dà diritto all’ingresso in Pinacoteca negli stessi orari di apertura del Museo di Santa Giulia. In Pinacoteca Tosio Martinengo il sistema d'ingresso rimarrà a fasce orarie su prenotazione preferibilmente online o tramite CUP. L’ingresso alla Pinacoteca Tosio Martinengo è programmato ogni 30 minuti per gruppi di massimo 20 persone in modalità accompagnata per la durata massima di 75 minuti. Il biglietto omaggio è valido fino al 10 gennaio 2021. Con il biglietto della mostra Raffaello. L’invenzione del divino pittore si ha diritto alla riduzione (€ 7,50) dell’ingresso per la visita degli spazi museali del complesso del Museo di Santa Giulia.
 
Palazzo Tosio sede dell’Ateneo di Brescia, Accademia di Scienze, Lettere ed Arti
Mostra dossier “Dopo che si sono stampate a Roma le Loggie del Vaticano, tutto ha cambiato gusto”.
Incisioni di Giovanni Volpato e Giovanni Ottaviani dalla serie delle Logge Vaticane.
3 ottobre - 13 dicembre 2020
Palazzo Tosio, Via Tosio, 12, Brescia
Modalità di accesso alla mostra:
per il mese di ottobre
● Sabato e domenica ingresso con visita guidata ogni ora, dalle 9.00 alle 11.00 e dalle 14.00 alle 17.00
● Martedì e giovedì pomeriggio, dalle 15.00 alle 19.00, ingresso libero
per i mesi di novembre e dicembre
● Domenica ingresso con visita guidata ogni ora, dalle 9.00 alle 11.00 e dalle 14.00 alle 17.00
● Martedì e giovedì pomeriggio, dalle 15.00 alle 19.00, ingresso libero
La visita al Palazzo e alla mostra è ad ingresso gratuito.
Per le aperture con visita guidata la prenotazione è obbligatoria al seguente link:
https://www.ateneo.brescia.it/orari-visite-palazzo-tosio
 
 
- Giuseppe Bossi e Raffaello al Castello Sforzesco di Milano
Milano, Castello Sforzesco
27 novembre 2020 - 7 marzo 2021
a cura di Claudio Salsi
 
 
Galleria: