Portale del turismo del Comune di Brescia: tutte le informazioni utili per la visita della città

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

Corsaletto da barriera

Mar, 06/02/2018 - 14:04 -- Anonimo (non verificato)
Tipologia: 
Brescia, Corsaletto da barriera

L'armatura da barriera veniva utilizzata nei combattimenti del torneo detto “alla barriera”, giocato da uno o più contendenti, divisi in squadre, che si affrontavano a piede con una vasta gamma di armi offensive.
Il campo di gara era diviso a metà da una palizzata (la barriera) attraverso la quale le due squadre si affrontavano e colpivano. Si trattava di uno scontro molto violento per cui si richiedeva un armamento difensivo che garantisse al contempo mobilità e protezione. Per questi motivi le armature da barriera erano costruite con lamine di acciaio particolarmente spesse, risultavano quindi pesanti da portare perciò erano limitate al busto, senza arnesi per proteggere le gambe (che comunque era impossibile colpire a causa della barriera divisoria), così da alleggerire il carico al combattente.
Il presente corsaletto è di particolare rilevanza perché reca sullo scollo il marchio del Maestro del Castello a Tre Torri, armaiolo probabilmente di origine milanese, che ha marcato la più ampia produzione armiera della fine del Cinquecento assieme ai lavori firmati da Pompeo della Cesa. Al contrario di quest’ultimo il nostro maestro è tuttavia rimasto anonimo. Sappiamo che la maggior parte dei suoi lavori veniva svolta per i duchi di Savoia e infatti, anche questo esemplare reca il celebre nodo, simbolo della casata. Si presume quindi che il corsaletto sia stato commissionato da Carlo Emanuele I o da uno dei suoi figli. Questa tesi è avvalorata anche dalle fonti scritte che ricordano il particolare apprezzamento dei Savoia per il torneo alla barriera.

Il corsaletto si compone di un elmetto da incastro con cresta rilevata e ventaglia fissata con rosetta in ferro; gorgiera di due lame; petto a imbusto con falda sottile; spallacci asimmetrici: quello sinistro di tre lame, quello destro senz'ala. Bracciali alla moderna di sedici lamelle. Petto e schiena interamente incisi a liste, una decorata e una no. Quelle decorate alternano nodi Savoia e fiori, mentre le altre una cornice geometrica con un sole a raggi. Mancano le manopole.

CORSALETTO DA BARRIERA
Maestro del Castello a Tre Torri
1590 circa
dal Museo delle Armi Luigi Marzoli

 

Galleria: