Portale del turismo del Comune di Brescia: tutte le informazioni utili per la visita della città

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

Corsaletto da piede da munizione dell'Ordinanza di Ghedi

Lun, 10/09/2018 - 16:01 -- Armando
Tipologia: 
Brescia, corsaletto da piede da munizione dell'Ordinanza di Ghedi

Le Ordinanze Territoriali, o Cernide, erano una milizia volontaria, arruolata su base locale in ogni comunità, istituita dalla Serenissima in alcune aree periferiche dello Stato. Celebri sono quelle istituite nel territorio bresciano, per la qualità delle armature di produzione bresciana destinate ai picchieri, su cui compare il nome della comunità stessa.
Dai regolamenti del tempo apprendiamo infatti che le milizie erano composte da archibugeri e picchieri. I primi si trovavano nelle valli mentre nella pianura bresciana erano diffusi i secondi.

I picchieri delle prime tre file vestivano i corsaletti. Questi non presentano solitamente particolari decorazioni se non la scritta della comunità a cui appartengono. I corsaletti di Ghedi, di cui se ne conservano almeno tre in Italia (due dei quali al Museo delle Armi “Luigi Marzoli”), sono tra i più raffinati e storicamente rilevanti, poiché recano incisi, oltre all’arme della comunità di Ghedi, anche il Leone di San Marco. Si tratta di corsaletti molto raffinati destinati a ufficiali.

Il corsaletto da piede qui considerato è completo, composto da: borgognotta, bracciali con spallacci e manopole, petto e schiena, scarselle e arnesi.
Sul petto è inciso all’acquaforte lo stemma di Ghedi e la scritta Co(mmunitat)is Gaydi e, all’interno dei nastri di una medaglia, sempre incisa a bulino con fondo dorato, il nome Cristoforo Gandino.

CORSALETTO DA PIEDE DA MUNIZIONE DELL'ORDINANZA DI GHEDI
1570 circa, manifattura bresciana
dal Museo delle Armi L. Marzoli