Portale del turismo del Comune di Brescia: tutte le informazioni utili per la visita della città

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

Giuseppe Mazzini

Mar, 27/06/2017 - 13:21 -- Laura
Tipologia: 
Monumento a Giuseppe Mazzini, Brescia

Giuseppe Mazzini (Genova, 22 giugno 1805 - Pisa, 10 marzo 1872) è stato un patriota, un politico ed un filosofo italiano le cui idee ed azioni furono determinanti per la nascita dello Stato Italiano unitario.
Laureatosi in legge, nel 1827 divenne membro della Società segreta rivoluzionaria della Carboneria, diffusa in quegli anni nel nord Italia con finalità patriottiche ed antiaustriache.
Fondò nel 1831 la Giovine Italia, associazione politica rivolta a conquistare l’indipendenza e l’unità del Paese grazie ad un’insurrezione popolare. Le sue idee e la sua azione politica,  ispirati ad un’ideologia repubblicana e antimonarchica, furono considerate sovversive: per i governi costituiti, i mazziniani altro non erano che terroristi e come tali furono sempre condannati. 

Mazzini visse da latitante tutta la sua vita ma perseguì i suoi obiettivi anche dall’esilio, convinto di ciò che doveva essere il destino dell’Italia. Scrissero di lui “Suscitò continuamente energie, affascinò per quarant’anni ogni ondata di gioventù ...e intanto gli anziani gli sfuggivano…”.
L’importanza delle sue azioni fu più ideologica che pratica: col fallimento dei moti rivoluzionari del 1848 tramontarono i suoi ideali di svolta sociale. Fu lo stesso Mazzini a suggerire al movimento garibaldino la necessità di portare la lotta armata nel Sud del paese, scatenando una rivoluzione popolare.
I nazionalisti italiani trovarono infine affermazione nella politica di Camillo Benso Conte di Cavour, Primo Ministro del Regno di Sardegna: questi portò a compimento la nascita dello stato italiano (tra il 1859 e il 1961) sotto il controllo della monarchia dei Savoia.
Da lungo tempo malato, Mazzini morì a Pisa nel 1872. Il suo corpo fu imbalsamato, mummificato e quindi trasposto al Cimitero di Staglieno a Genova, sua città natale.
Il cippo marmoreo, con il busto in bronzo del patriota, è stato inaugurato a cento anni dalla sua morte, il 25 novembre 1972, per volontà della locale Associazione Mazziniana. Lo sguardo del fondatore della Giovane Italia è rivolto al Broletto, edificio che per secoli ha rappresentato il centro della vita politica della città.

Per ascoltare la testimonianza di Giuseppe Mazzini, scarica la SPICapp! statue parlanti in città www.spicapp.it

GIUSEPPE MAZZINI
Piazza Martiri di Belfiore
Copia da un gesso della scuola di Vincenzo Vela
1972
Bronzo