Portale del turismo del Comune di Brescia: tutte le informazioni utili per la visita della città

  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Italiano

Tags : capitolium

Brescia, epigrafi dal Capitolium

Durante l’antichità la cella centrale del Capitolium ha ospitato a lungo la statua colossale del dio Giove. Il tempio venne riscoperto grazie agli scavi promossi dall’Ateneo di Scienze Lettere ed Arti di Brescia fra il 1823 e il 1826 e qui nacque il Museo Patrio nel 1830. L’aula centrale assunse allora una nuova funzione, ricordata nell’iscrizione posta sul passaggio fra la cella centrale e quella occidentale: fu scelta per accogliere una ricca collezione di epigrafi, provenienti dalla città e dal territorio. 

Brescia, Ritratto femminile in bronzo, Santa Giulia Museo della città

Nel bronzo è ritratta una donna di età matura, con un volto pieno, caratterizzata dalla tipica pettinatura di moda a Roma nella seconda metà del I secolo d. C.
È alto 40 cm e doveva appartenere a una statua completa, come suggeriscono la presenza di un frammento di veste visibile sul collo e la frattura sul lato posteriore, dovuta al distacco violento dal resto della statua.
È realizzato con la tecnica della fusione a cera persa e denuncia una buona qualità di esecuzione; non si vedono infatti le tracce lasciate dal procedimento di fusione e i dettagli sono stati abilmente lavorati a freddo con strumenti diversi, come si evince dalle ciocche dei capelli e dalle trecce.
Gli occhi sono realizzati in avorio e le iridi in pietra dura, mentre le ciglia sono tracciate a freddo.
La testa in bronzo venne portata in luce nel luglio del 1826, in occasione degli scavi archeologici promossi dell’area del Capitolium dalla Municipalità di Brescia e condotti dai membri dell’Ateneo di Scienze Lettere ed Arti. Nell’intercapedine tra il tempio capitolino e il colle retrostante, venne infatti ritrovata insieme ai celebri bronzi bresciani, tra i quali la statua della Vittoria alata, le numerose cornici in bronzo modanate e lisce, e gli altri ritratti maschili esposti nel Museo della città.

Notizie

Brescia: le divertimappe a portata di tablet

SCOPRI BRESCIA: UNA CITTÀ, MOLTE MERAVIGLIE è la nuovissima e colorata app interattiva per tablet della collana "Divertimappe" che strizza l'occhio ai bambini e alle loro famiglie. 
Nasce dal desiderio di voler raccontare in modo diverso e coinvolgente la città ai piccoli visitatori, guidandoli nella scoperta grazie all'aiuto di tre guide d'eccezioneErmengarda, la figlia di re Desiderio, Richì, il galletto segnavento della chiesa di San Faustino e Marzio, un aspirante cavaliere del castello.
Un'accattivante guida ricca di giochi, curiosità e informazioni sulle bellezze artistiche e monumentali che parla in modo semplice ed efficace, educando e divertendo allo stesso tempo.

Subscribe to Tags